Carlo Oliva

Carlo è morto a Milano nella notte tra il 23 e il 24 settembre 2012.

Ci mancherà.


Carlo Oliva, milanese, nato nel 1943, è sostanzialmente un eclettico. Laureato in filologia classica con Raffaele Cantarella, ha insegnato a lungo (1967/1990) lettere antiche e moderne nei licei, prima di rendersi conto che, per vari motivi, la scuola ne aveva abbastanza di lui e lui della scuola. Si è occupato, contestualmente, di problemi dell’insegnamento, dell’istituzione scolastica e della condizione giovanile, pubblicando qualche saggio in merito su “Ombre rosse”, “Quaderni piacentini” e varie pubblicazioni, come si diceva, militanti, ma teme che il tutto, ideologicamente, sia alquanto invecchiato. Degli stessi argomenti si è occupato, in forma più giocosa, su “Linus” (1980 / 1995). CONTINUA


Scrivete sonetti!
Appello ai nuovi scrittori italiani di giallo e di noir (sperando che smettano di essere tali)
Gialloliva
Le recensioni di gialli scritte per Radio Popolare, dal 2004
La Caccia
Tutti i testi della rubrica in ordine cronologico, dal 1997 a oggi
Ha pubblicato
Libri pubblicati dal 1969 a oggi
Traduzioni
James Ellroy, Jim Thompson, Crumley, Richard Ford...
Racconti
Con quasi tutti i testi
Poesia
Versi d'occasione e no
Atene
Corrispondenze da Atene per Radio Popolare in occasione dei giochi della XXIX Olimpiade
Saggi